153673259-thom-yorke-of-radiohead-performs-live-on-stage-at-02.jpg.CROP.promovar-mediumlarge

Thom Yorke ha appena fatto uscire un suo album…dal nulla…!

Qualche giorno dopo aver postato su Twitter una foto di un misteriosi vinile bianco, Thom Yorke ha improvvisamente realizzato un nuovo album ed è già disponibile per il download.

Il nuovo album è chiamato Tomorrow’s Modern Boxes, contiene 8 tracce ed è disponibile in due versioni: come vinile deluxe con un download digitare per £30 (circa 39 euro) o in download su BitTorrent per $6 (circa 4,60€).
Thom e il suo produttore e collaboratore di lunga data Nigel Godrich hanno spiegato che sperano che distribuendo l’album su BitTorrent, se funziona bene, permetterà in futuro agli artisti di vendere da sè i propri dischi senza passare per le etichette o gli stores online e senza pagare per l’hosting. Così come per In Rainbows e il suo metodo ad offerta libera, il successo o fallimento di questo metodo dovrebbe avere poche implicazioni con le difficoltà del mercato musicale:

Per sperimentarlo stiamo usando una nuova versione di BitTorrent per distribuire il nuovo disco di Thom Yorke.
I nuovi files di torrent hanno una pagina che ti permette di pagare per poter accedere ai files..
I files possono essere di qualsiasi tipo, in questo caso è un album.
E’ un esperimento per vedere se questa dinamica può essere qualcosa che il pubblico può comprendere e se ci saltano fuori.

Se funziona bene può essere realmente un modo per tornare in possesso di un po’ di controllo sul commercio via internet da parte delle persone che creano l’opera.
Dà la possibilità alle persone che creano musica, video o qualsiasi altro contenuto digitale di vendersi da soli, bypassando coloro che si sono autoproclamati a barriera di tutto ciò.
Se funziona bene, tutti possono fare quello che abbiamo appena fatto noi.

Il disco è il primo di Yorke dai tempi del suo debutto con The Eraser, e il primo album dall’Lp di Atoms for Peace Amok.
Qui sotto puoi vedere un video del primo brano dell’album, un pezzo simile a Eraser, pesantemente elettronico chiamato “A Brain in a Bottle”

tradotto da www.slate.com




There are no comments

Add yours

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: