soundisstyle-free-music-you-should-download-4

FREE #7: 14 MOTIVI PER CUI DEVI REGALARE IL TUO DISCO

10
L'articolo più innovativo!!!

Proprio oggi mi è capitato di discutere con un ragazzo dell’argomento che a me sta più a cuore di tutti: ovvero il fatto che i musicisti devono  iniziare a regalare la propria musica.

Lui si chiedeva giustamente:
<<Ma se i musicisti regalano i propri dischi…come fanno a guadagnare e a fare nuovi dischi?? Non avranno mai introiti e la band rimarrà in una fase di stallo..Non credi che anche il musicista sia un lavoro?? Perchè non dovrei avere il diritto di essere pagato?>>

ECCO LE MIE ARGOMENTAZIONI:
(Per ogni punto ho aggiunto dei link di approfondimento)

  1. La musica, e soprattutto la vendita di dischi, attualmente E’ GIA’ in una fase di stallo…quindi non puoi risolvere un nuovo problema con una vecchia soluzione….anche perchè, se la vecchia soluzione avesse funzionato prima, adesso non saremmo al punto in cui siamo… (il resto del mondo ha già cambiato punto di vista! Leggi qui!!!)
  2. Il lavoro del musicista è suonare…non vendere i dischi. Sono i negozi che devono preoccuparsi di vendere i dischi. Il musicista deve diffondere la propria musica a quante più persone possibile…questo aumenterà esponenzialmente il numero dei live. I live sono il lavoro del musicista, vendere i dischi è il lavoro del negozio…di dischi..appunto. (ti potrebbe interessare leggere qui)
  3. Sono d’accordissimo sul fatto che il musicista sia un lavoro come il dottore, l’ingegnere, l’architetto, e che anche il musicista abbia investito sulla propria istruzione, sulla strumentazione, sullo studio di registrazione ecc… ed è giusto e doveroso che venga pagato…per svolgere il proprio mestiere: ovvero SUONARE. (ecco i trucchi per trovare live)
  4. Se suoni perchè vuoi far conoscere la tua musica al mondo: regala i dischi e diffondili a quante più persone, senza porre barriere. Se suoni per far soldi: regala i dischi….perchè farai molti più live e quindi molti più soldi. Quindi riassumendo: se suoni per diffondere la tua musica: regala i dischi….se suoni per far soldi: regala i dischi… (approfondisci qui)
  5. Credi davvero che mi beva la stronzata che le vendite dei dischi ti servono per poi pagare il nuovo disco ecc….??? Ma mi hai preso per fesso? Se sei un’artista emergente vendi (se va bene) 200 copie a 10 euro l’una, dalle quali ricavi circa 5 euro netti a copia (ovvero tolti: 2 euro per la duplicazione, 0,80 cent di bollino siae, 2 euro di spese ripartite tra grafica e altro). Ok, hai guadagnato 1000 euro (5 euro x 200 copie vendute)….ma quanto ci hai messo??? Quanto ti sei sbattuto per vendere 200 copie?? Ti servono i soldi per fare il nuovo disco??? Bene…SUONA…..  3/4 concerti a 200/300 euro ognuno…e ottieni lo stesso risultato…in meno di un mese.   Quindi la storia dei soldi non attacca. (ancora su come trovare live)
  6. Tolti i tuoi 200 amici cari…tutti gli altri se lo masterizzano…. credi di poter combattere questo fenomeno?? Non puoi farcela…non ce la fa nemmeno Lady Gaga e i suoi avvocati… Sai cosa ti dico: MENOMALE!! Fai in modo che tutti se lo copino, masterizzino, lo diffondano, lo regalino..che facciano quello che vogliono… stanno facendo il tuo gioco..non sono nemici!!! E sappi che non stai perdendo dei guadagni in questo modo, perchè se una persona può comprarlo, ma decide di masterizzarlo…vuol dire che non lo avrebbe comprato lo stesso!! (ti piace l’argomento?)
  7. Ti masterizzano il disco?….Figata!!! Anticipali!! Regalaglielo tu in formato digitale in cambio della loro email!!! Non gireranno copie pirata di bassa qualità..Inoltre..qual’è il negozio che ha i contatti di tutti i propri clienti?? Io pagherei oro per avere i contatti diretti di tutti quelli che leggono questo blog! (guarda questo genio cosa ha fatto con le email!!!)
  8. Le vendite fisiche sono a picco, il download a pagamento è a picco..l’economia ha trasformato la musica dallo spartito, a una serie di bit…e il valore del singolo bit è pari a zero…(siamo passati dagli spartiti quando la musica era diffusa su carta, ai supporti fisici, fino al digitale, in cui la musica è una serie  di bit, il cui singolo valore  è nullo.). Non ha senso alcuno fare pagare la musica in formato digitale. Anche perchè il costo per replicarla all’infinito…è ZERO. Quindi non hai costi, ma raggiungi un numero infinito di persone. Cosa vuoi di più? (un autorevole articolo che spiega meglio)
  9. Il disco è il tuo biglietto da visita (ok è più costoso del tuo biglietto da visita normale…ma è così)…tu di solito quando ti presenti a una persona e dai il biglietto da visita..poi gli chiedi 10 euro? (non sei d’accordo? leggi qui)
  10. Perchè dovrei pagare il tuo disco se poi lo hai caricato su Spotify e Myspace? Piuttosto compro la maglietta o un accessorio, come lo sticker o la spilla, che mi faccia sentire un vero fan..e che nessun altro può avere. (l’articolo più importante mai scritto su come vivere grazie ai propri fans...leggilo!davvero!)
  11. Se fai un video per promuovere il singolo della tua band…sei felice se in tantissimi lo vedono vero?? E allora…perchè non sei felice se in tanti ascoltano il tuo disco?? O pensi di far pagare la gente che guarda il tuo video? Un video fatto bene non costa così tanto meno di un disco… e per ogni disco di solito si fanno un paio di video…facci due conti. (è in arrivo YouTube Music..quindi tutta la musica passerà per i video)
  12. Un prezzo, anche bassissimo, UCCIDE le vendite. Amazon fece una promozione: compra il secondo libro e avrai la spedizione gratuita. Su Amazon Francia, per un errore informatico, se acquistavi il secondo libro, non avevi la spedizione gratuita ma la pagavi 20 centesimi (un cifra irrisoria comunque)… in Francia solo il 2% ha acquistato il secondo libro. Non importa quanto fai pagare il tuo disco. Chi non vuol pagare, non paga nemmeno 20 centesimi. A sto punto mettilo gratis. (ti consiglio il libro di Chis Anderson: “Free”…è una figata!)
  13. Se vuoi davvero fare il musicista come mestiere devi avere una visione di lungo termine: vendere un cd…vuol dire guadagnare 5 euro subito…ma perdere almeno 100 fans potenziali che avrebbero potuto averlo gratis e che non lo acquisteranno a 5 euro. Se invece lo hai regalato a 100 persone…e anche solo 10 vengono a un tuo live…a un ticket di ingresso di 5 euro ciascuno…..non aver venduto quell’unico cd…non ti ha fatto perdere 5 euro…te ne ha fatti guadagnare 50. Meglio un uovo oggi o una gallina domani? (leggi questo articolo fondamentale sulle nicchie di fans)
  14. Quando spedisci i dischi alle radio, affinchè li trasmettano a tutti…glieli fai pagare??? No! Allora perchè io che sono già un tuo fan devo pagare?? E’ un totale controsenso. Inizia a far pagare anche le radio allora…! Ah..giusto..si ridurrebbe drasticamente il numero di radio. Ecco..i fans potenziali..sono la stessa cosa: fai pagare il disco e si ridurranno drasticamente. (c’è un’intera categoria di musicisti che si è estinta perchè pretendeva di essere pagata per andare in radio. Leggi qui..è assurdo!!!)

 

Se mi stai per chiedere:
<<Ma quindi..se io vengo da te…tu secondo questo ragionamento dovresti registrarmi il disco gratis?>>
RISP: No caro, registrare dischi è il mio lavoro. Non ti ho MAI detto di suonare gratis. Non chiedermi di lavorare gratis.

<<Ma quindi…i dischi delle vostre bands voi li regalate??>>
RISP: Quando possiamo scegliere noi…SI, SEMPRE. In cambio dell’email.

<<Ma quindi…se le bands regalano i dischi, le bands non guadagnano..quindi non hanno soldi per fare altri dischi…e voi non lavorate più…>>
RISP: Quando le bands hanno ascoltato i nostri consigli, e hanno regalato i dischi in cambio dell’email, hanno guadagnato più che dalla vendita dei dischi..e sono tornati a fare un disco nuovo.

<<Ma quindi….funziona??>>
RISP: Ho scritto un blog intero su questo argomento…probabilmente funziona!

 

Cose buone

  • E' il futuro scritto su carta
  • Prima lo fai, prima capisci il senso di ciò
  • Non devi preoccuparti delle vendite ma solo della tua musica

Cose cattive

  • La gente ancora non ci arriva
  • I musicisti hanno paura di perdere guadagni



Ci sono 8 commenti

Add yours
  1. Antonio

    Un musicista può fare musica per diversi motivi. Alcuni lo fanno solo per coltivare la loro passione, altri invece lo fanno anche come lavoro. E già qui c’ è una bella differenza tra i due casi. Chi fa musica come lavoro è ovvio che debba avere un ritorno da quello. Non si lavora tanto per lavorare, o per crearsi dei fan, ma per poter vivere. Per quanto riguarda un cantautore o dei musicisti di una band non professionista, anche se come lavoro fanno altro, non capisco perchè non debbano stabilire un prezzo per le loro canzoni o composizioni, cd o download che sia. Parliamo sempre di arte. Come quella di un pittore, uno scultore, un disegnatore e così via. Dovrebbe forse un pittore regalare le sue tele? E perchè? Se lui ha piacere a farlo, è un conto, ma presumere che debba farlo non ha senso. L’ arte ha un valore. Ma non c’ è solo arte, c’ è anche lavoro, e ci sono materiali, e i materiali hanno anche loro un prezzo. Realizzare un album ha un prezzo. Anche imparare la musica ha un prezzo. Dire che è assurdo fare pagare 10 euro per un album, è assurdo. Come è assurdo che uno non possa stabilire il prezzo di una propria opera musicale semplicemente per il fatto di non essere conosciuto dalle persone. Come se un artista fosse in dovere di regalarmi la sua opera d’ arte per il semplice fatto che non sia conosciuto al grande pubblico. Poi chi l’ ha stabilito che un musicista debba per forza di cose fare concerti live? Potrebbe semplicemente voler creare della musica che poi può essere diffusa tramite formati fisici o digitali. Altra cosa, il disco non è il mio biglietto da visita. E’ una mia creazione. Il mio biglietto da visita chi l’ ha detto che sia il CD? Per fare conoscere quello che faccio ci sono tantissimi modi che non comportano alcun costo alle persone. Posso per esempio fare dei video e renderli disponibili gratuitamente sul web (facebook, you tube, sul mio sito web personale ecc), dove posso fare ascoltare dei frammenti della canzone e spiegare cosa mi ha spinto a scrivere quel testo, oppure prendere lo spunto dalla canzone per dare dei messaggi ecc. Ma posso anche decidere di fare ascoltare gratuitamente anche solo un brano del mio album. In questo modo le persone si possono fare un’ idea della mia musica. Se davvero la mia musica, ma non solo la mia musica, ma anche la mia personalità, o un mio messaggio, gli ha trasmesso qualcosa di importante, allora potrebbero essere disposti a comprare il mio album. Il disco quindi non è il biglietto da visita del musicista. Dire che non ha senso alcuno fare pagare il download di un’ opera musicale per il semplice fatto che fare delle copie non ha alcun costo, è assurdo. Come dire, il master può avere un costo, ma le copie no. Ma il valore non è determinato solo dal supporto fisico, ma essenzialmente dall’ opera musicale che è in essa. E il vantaggio rispetto ad un live è che posso disporne quando voglio. In fin dei conti è cmq una performance, ma registrata. Come pago per vedere un concerto, quindi per assistere ad una performance, perchè non dovrei pagare per una performance registrata? Semplicemente perchè la sua copia non costa nulla al musicista? Really? Ma scherziamo? Il problema è la mentalità avida di oggi, di volere tutto sensa voler pagare niente, o il meno possibile. Ma così non stiamo rispettando la persona, il lavoro, la fatica e la creatività degli altri, e stiamo contribuendo a fare quel lavoro a ribasso che fanno molte aziende con le persone che cercano un lavoro.


Post a new comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: